Crema solare: come scegliere la giusta protezione

crema-solare

FOTOTIPO, SPF, FILTRI: SCOPRI CHE COSA SONO, DOVE TROVARLI NELLA TUA CREMA SOLARE E COME ESPORTI AL SOLE MANTENENDO LA TUA PELLE AL SICURO.

Crogiolarsi al sole? Sì ma con la sicurezza di aver scelto la corretta protezione solare. Prendere il sole è bello, fa bene alla salute e mette di buon umore. Tuttavia, quando pensiamo di stare al sole, è importante proteggere la pelle, anche se la nostra pelle è scura o non vogliamo rimanere al sole troppo a lungo.

La crema solare è indispensabile per tutti, perché gli effetti delle radiazioni solari sulla pelle possono essere molto dannosi sia a breve termine che, soprattutto, a lungo termine, con effetti ritardati che possono verificarsi anche dopo anni.

Come facciamo a sapere quale protezione solare si adatta meglio al nostro tipo di pelle?

Ecco cosa devi sapere per goderti il ​​sole in sicurezza.

Il fototipo

Un fototipo è un insieme di caratteristiche fisiche individuali (etnia, colore degli occhi e dei capelli, quanto facilmente la pelle diventa più scura) che cambia in base alla quantità di melanina nella nostra pelle. Avere un fototipo particolare (da I a IV) significa avere meno o più melanina, quindi una protezione fisiologica minore o maggiore contro i raggi solari. Generalmente, ci sono sei fototipi (basati sulla classificazione Fitzpatrick).   Più basso è il fototipo, maggiore è il rischio di una reazione, quindi maggiore è la protezione necessaria. Analogamente, se il fototipo è alto, la quantità di melanina prodotta dalla pelle è più grande, quindi la pelle è naturalmente più protetta e si può scegliere una protezione solare più bassa.

Conoscere il tuo SPF esatto non è indispensabile. Di solito, più è chiara la tua pelle, più possibilità hai di scottarti, anche se non funziona in questo modo tutto il tempo. Anche una persona con i capelli e gli occhi scuri può facilmente scottarsi e, al contrario, una persona con la pelle e gli occhi più chiari potrebbe anche reagire meno al sole. La cosa più importante per scegliere la crema solare che meglio si adatta a noi è sapere come la nostra pelle reagisce al sole.

Se tendi a scottarti abbastanza facilmente, la protezione che fa per te è alta o molto alta, mentre se ti scotti raramente, o addirittura mai, puoi scegliere una protezione media o bassa.

Il fattore di protezione solare

L’imballaggio di tutti i prodotti solari reca la sigla SPF seguita da un numero: questo è il fattore di protezione solare. Per essere precisi, SPF in realtà significherebbe il fattore di protezione da scottature, dal momento che il numero indica la protezione che un solare offre per ritardare le scottature e gli eritemi, come dovrebbe essere più correttamente chiamato.

Il termine “eritema solare” significa arrossamento della pelle indotto dal sole e non deve essere confuso con un tipo di reazione al sole che si manifesta con urti arrossati e prurito sulla pelle e che tutti chiamano eritema, ma in realtà è fotodermatite (eruzione leggera polimorfa).

Il fattore di protezione solare è determinato da un metodo che è stato verificato e convalidato dalla Commissione europea ed è quindi il metodo “ufficiale” (International Standard Method ISO 24444: 2010). Il metodo viene eseguito su volontari (in vivo) e “simula” ciò che accade alla pelle esposta al sole, sostituendo la luce solare con una fonte di energia che la replica (simulatore solare). Il test misura il tempo necessario all’eritema per mostrare sia la pelle non protetta che la pelle protette con una quantità predefinita di prodotto (2 mg/cm2). I dati vengono quindi elaborati statisticamente per identificare il valore SPF medio. Maggiore è l’SPF e maggiore è la capacità del prodotto di ritardare l’eritema. Tuttavia, esiste un limite alla protezione che un prodotto solare può fornire, il che significa che è importante ricordare che nessun prodotto può garantire una protezione completa contro i rischi che possono scatenare i raggi UV. Questo aspetto particolare, così come molti altri che riguardano l’importanza dei prodotti per la protezione solare come mezzo per proteggere la salute delle persone, è stato trattato dalla Commissione Europea con la Raccomandazione n. 2006/647 / CE. Con l’obiettivo di fornire semplici indicazioni ed eliminare i molteplici numeri utilizzati per identificare i valori SPF, la Commissione europea raccomanda di adottare un’etichettatura che corrisponda ai livelli di protezione con valori numerici:

La raccomandazione indica 50+ come SPF massimo, oltre a raccomandare che non ci dovrebbero essere indicazioni che possano indurre l’utente finale a pensare che una protezione solare possa proteggere al 100% dalla radiazione UV.

Protezione ad ampio spettro

Poiché l’eritema solare (solarizzazione) è indotto dai raggi UVB, l’indicazione sulla confezione si riferisce solo alla protezione contro questi raggi, tuttavia una protezione solare deve anche proteggere dai raggi UVA, che sono anche coinvolti nel causare danni alla pelle. Quindi, una protezione solare deve contenere anche filtri UVA, in modo da offrire una protezione ad ampio spettro. Anche la protezione UVA è determinata sperimentalmente da un metodo ufficiale, cioè un test su tutti i prodotti per la protezione solare.

Quanto dovrebbe proteggere un solare dalle radiazioni UVA?

Sulla base dei dati scientifici disponibili, la protezione dagli UVA dovrebbe essere almeno 1/3 del valore SPF.

Come funzionano i filtri solari?

I filtri solari, come suggerisce il termine, filtrano la luce solare, bloccando così le radiazioni UVA o UVB, secondo questo meccanismo:

  • L’irruzione della radiazione solare, tipica dei filtri organici (chimici), attraverso gli ingredienti che assorbono l’energia della radiazione
  • La riflessione / diffusione della radiazione solare, tipica dei filtri (fisici) minerali (ad esempio titanio diossido), dove i filtri funzionano come specchi per bloccare i raggi solari.

I filtri solari sono ingredienti che sono regolati dall’Unione Europea, quindi un certo numero di filtri sono ammessi nei filtri solari e solo a concentrazioni precise (riferimento al regolamento (CE) n. 1223/2009, allegato VI).

La protezione solare ad ampio spettro prevede l’uso combinato di filtri UVA e UVB, generalmente con una prevalenza di filtri di tipo organico perché l’unico filtro minerale autorizzato, il biossido di titanio, viene raramente utilizzato da solo. Perché?

Essendo una polvere bianca (è anche un pigmento usato nei prodotti per il trucco), il biossido di titanio trasforma una crema solare più spessa e, se inclusa in grandi quantità, lascia un getto bianco sulla pelle dopo l’applicazione.

Tutti i filtri autorizzati sono sicuri per l’uso, tuttavia alcuni dei tipi organici possono essere meno tollerati dalla pelle in caso di iper-reattività della pelle.

Per questo motivo, i filtri solari con filtro minerale possono essere più adatti per i tipi di pelle che richiedono cure speciali.

Oltre ai filtri solari, sono necessari altri ingredienti nelle protezioni solari, ad esempio per rendere la protezione solare piacevole da applicare, per garantire la fotostabilità e la resistenza all’acqua.

Inoltre, oggi la ricerca e lo sviluppo prendono in considerazione la formulazione di filtri solari che, proteggendo dal danno immediato che le radiazioni solari possono causare, difenderanno anche da danni ritardati a lungo termine.

Tuttavia, l’efficacia dei filtri solari si ottiene soprattutto se seguiamo alcune semplici regole su come usarli correttamente.

Vuoi saperne di più?
Fai una domanda ai nostri esperti

Tutti i prodotti Bioteko sono sviluppati per ridurre i rischi di intolleranza e sono adatti per pelli sensibili. Tali prodotti sono, infatti, testati al nichel, privi di conservanti, esenti da profumi (o con un profumo privo di allergeni), senza glutine e prodotti con ingredienti accuratamente selezionati e controllati.

Lo sapevi?

I laboratori Bioteko hanno sviluppato una gamma di protezione solare adatta anche a neonati e bambini che fornisce una tripla fotoprotezione:

  • difesa contro i danni a breve termine attraverso il sistema di filtri UVA-UVB
  • difesa dai radicali liberi generati dalla radiazione infrarossa – IR
  • difesa contro i danni biologici a lungo termine e ritardati.

I NOSTRI PRODOTTI SOLARI

Per saperne di più leggi Perchè dovresti utilizzare solo filtri solari naturali